.
Annunci online

A Forza di Essere Vento... Al futuro o al passato, a un tempo in cui il pensiero è libero, quando gli uomini sono differenti l'uno dall'altro e non vivono soli...a un tempo in cui esiste la verità e quel che è fatto non può essere disfatto.
Vuoto Catatonico
post pubblicato in 1984, il 28 ottobre 2008



Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l'essenza della dignità umana.

 Giovanni Falcone


Certe cose si commentano da sole.
Altre non si commentano proprio.
Pier Paolo Pasolini è forse una di queste, eternamente illuminato dalla corona fulgida dei suoi lasciti, scolpito in una magnificenza profetica per larghi tratti, geniale nella scintilla delle sue intuizioni.
E a volte, rarissime, immortalato come in questo folgorante, devastante passaggio e paesaggio disegnato insieme all'altro eroe della nostra memoria Enzo Biagi; memoria che poco a poco, traccia dopo traccia viene lavata via da un presente smemorato e contrabbandato, riposta in uno sgabuzzino sfaldato dal tempo.
Chi controlla il presente è vero, ci tiene in pugno, ma solo cancellando il passato si sconfiggono le coscienze che inseguono la chimera delle verità.
L'avevano capito entrambi, e entrambi, seppur su diversi piani, condividono un fato che oggi strazia i loro cadaveri sputando sull'essenza stessa della loro dignità umana, sulla loro integrità e purezza.
Una dittatura tenuta assieme da un Vuoto Catatonico istillato nelle coscienze, librato nell'aria via etere, diffuso come un virus che non teme anticorpi.
Gli anticorpi però, ci sono, eccoli.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pierpaolo pasolini enzo biagi

permalink | inviato da quartopotere il 28/10/2008 alle 19:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Una corsa impazzita
post pubblicato in 1984, il 13 ottobre 2008



Una volta un giudice come me 
giudicò chi gli aveva dettato la legge: 
prima cambiarono il giudice 
e subito dopo 
la legge. 
 
Oggi, un giudice come me, 
lo chiede al potere se può giudicare. 
Tu sei il potere. 
Vuoi essere giudicato? 
Vuoi essere assolto o condannato?  

                                        F.De Andrè

Questo paese ormai ha gli anticorpi per ogni genere di umiliazione.
La marmaglia poltronissima che siede in parlamento non si differenzia in alcun modo,
nello spargere il virus della vergogna, contagiando ogni "suddito" di questo paese allo stremo.
Destra, sinistra?Parlarne è un favore a tutti Loro.
In Italia l'opposizione non è di destra, di sinistra o di centro.
Tolto Di Pietro , ormai è un'esclusiva della gente che scende in piazza, ignorata da una cronaca giornalistica in gran parte falsata.
Ma c'è dell'altro.
Il governo prosegue nell'impressionante collezione di leggi ad personas, plurale: dal capo del governo si passa al Lodo Consolo che estende l'immunità aprioristica acquisita del Lodo Alfano al resto dei parlamentari.
Ma il virus dell'umiliazione prosegue: siamo al Salvabancarottieri, postilla inserita piccola piccola nella porcata di salvataggio Alitalia che prevede la cancellazione del reato di bancarotta in caso di commissariamento dell'azienda.
Tradotto, salviamo le chiappe dei vari Tanzi, Cragnotti ma sopratutto Geronzi.
Essì, il potentissimo banchiere italiano che salvo' Mediaset dal fallimento viene qui ringraziato dal Silvio nazionale con questa leggina fatta ad hoc per i suoi svariati procedimenti penali in corso.
E chi si accorge della porcata infame?
Una Giornalista, Milena Gabanelli, tra i pochi Giornalisti che ci rimangono.
Complimenti a tutti.

Ma andiamo oltre.
L'ultima malformazione propinataci è un Lodo nuovo di pacca, il Lodo Carnevale.
Ve lo ricordate il caro giudice ammazzasentenze?
L'essere infimo che definì Falcone "cretino"  perché "certi morti io non li rispetto".
Colui che "specialista delle carte apposto", produsse montagne di assoluzioni clamorose attaccandosi a cavilli giudiziari, salvando dalla galera il fior fiore della delinquenza.
Ora questo teppista in pensione, messo sotto processo da Caselli per associazione mafiosa, tanto caro alla Casta, viene resuscitato a 80 anni suonati per diventare primo presidente della Cassazione.
Tutti gli altri non possono superare i 75 anni, lui può superare tranquillamente gli 80.
Al Csm sono cadute le palle.

Ma che volete farci?Pare tutto normale e, dopotutto, la cosa non può suscitare particolare meraviglia quando chi dovrebbe dare queste notizie, spiegarle
alle persone sono personaggi del calibro di Vespa(siano), un "giornalista"(?) che non sa nemmeno che differenza passa fra un indagine e un processo.
E non soffermiamoci ora sulla propaganda delle sue Bugie, quando dice che Berlusconi e Andreotti sono stati Assolti, ma evidenziamo la sua totale mancanza di competenze di base, mentre viene umiliato da Travaglio in una lezione di giornalismo e di legalità .
Guai a noi.

Quanto mi manca Giorgio Gaber...!!
post pubblicato in 1984, il 29 settembre 2008

 
Sono stanco.
Sono stanco di queste facce.
Ho spento la TV da tempo, non compro più giornali ma niente da fare!!
Continuano ad assilarmi.
Passeggiando per la città sono sovrastato da mastodontici cartelloni che mi ricordano tutto quello che hanno fatto, che fanno e che faranno per me...e così Pier Ferdinando mette in evidenza il ruolo portante della famiglia (mentre lui ed il suo compagno di merende on. Mele animano i festini a base di coca e trans della Roma bene), Gianfranco è solidale con gli eroi delle forze dell'ordine (che massacrano di botte inermi ragazzini al G8 fischiettando faccetta nera e poi lo accompagnano a fare le immersioni nella riserva naturale di Giannutri), Rutelli che non sà neanche le stronzate che scrive ma...COM'E' BELLO PERO'!!!! e poi c'è silvio.. ma lui ormai è quasi uno spasso (arriverà presto un presidente Pilota ed un presidente Assistente di volo?)
Non gli basta possedere televisioni e giornali. Non gli basta farsi fare pompini da quella troia di Bruno Vespa. Non gli bastano le interviste gli speciali gli approfondimenti, le feste dell'unità, i family day, le strette di mano, le loro indignazioni a reti unificate e le comparsate fingendosi simpatici ballando con Malgioglio a Buona Domenica.
Sono stanco di queste facce!!!
Sono stanco di faticare per informarmi.
Giorgio Gaber ha scritto questo dell'informazione italiana.
Giorgio Gaber era un'uomo saggio.
Quanto mi manca Giorgio Gaber...!!!      S.

C'E' UN'ARIA
di G. Gaber
dall'album "Io non mi sento italiano" (2003)

Dagli schermi di casa un signore raffinato
e una rossa decisa con il gomito appoggiato
ti danno il buongiorno sorridendo e commentando
con interviste e filmati ti raccontano a turno
a che punto sta il mondo.

E su tutti i canali arriva la notizia
un attentato, uno stupro e se va bene una disgrazia
che diventa un mistero di dimensioni colossali
quando passa dal video a quei bordelli di pensiero
che chiamano giornali.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

Ed ogni avvenimento di fatto si traduce
in tanti "sembrerebbe", "si vocifera", "si dice"
con titoli ad effetto che coinvolgono la gente
in un gioco al rialzo che riesce a dire tutto
senza dire niente.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca
l’aria,
C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca l’aria.

Lasciateci aprire le finestre,
lasciateci alle cose veramente nostre
e fateci pregustare l’insolita letizia
di stare per almeno dieci anni senza una notizia.

In questo grosso mercato di opinioni concorrenti
puoi pescarti un’idea tra le tante stravaganti
e poi ci sono le ricerche, tanti pensieri alternativi
che ti saltano addosso come le marche
dei preservativi.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

E c’è un gusto morboso del mestiere d’informare,
uno sfoggio di pensieri senza mai l’ombra di un dolore
e le miserie umane raccontate come film gialli
sono tragedie oscene che soddisfano la fame
di questi avidi sciacalli.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria
che manca l’aria.
C’è un’aria, un’aria, ma un’aria
che manca l’aria.

Lasciate almeno l’ignoranza
che è molto meglio della vostra idea di conoscenza
che quasi fatalmente chi ama troppo l’informazione
oltre a non sapere niente è anche più coglione.

Inviati speciali testimoniano gli eventi
con audaci primi piani, inquadrature emozionanti
di persone disperate che stanno per impazzire,
di bambini denutriti così ben fotografati
messi in posa per morire.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

Sarà una coincidenza oppure opportunismo
intervenire se conviene forse una regola del giornalismo
e quando hanno scoperto i politici corrotti
che gran polverone, lo sapevate da sempre
ma siete stati belli zitti.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca
l’aria,
C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca l’aria.

Lasciateci il gusto dell’assenza,
lasciatemi da solo con la mia esistenza
che se mi raccontate la mia vita di ogni giorno
finisce che non credo neanche a ciò che ho intorno.

Ma la televisione che ti culla dolcemente
presa a piccole dosi direi che è come un tranquillante
la si dovrebbe trattare in tutte le famiglie
con lo stesso rispetto che è giusto avere
per una lavastoviglie.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...

E guardando i giornali con un minimo di ironia
li dovremmo sfogliare come romanzi di fantasia
che poi il giorno dopo e anche il giorno stesso
vanno molto bene per accendere il fuoco
o per andare al cesso.

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...
C’è un’aria, un’aria, ma un’aria...
C’è un’aria, un’aria, ma un’aria
che manca, che manca, che manca
l’aria.





permalink | inviato da Zimone il 29/9/2008 alle 10:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Cani da guardia
post pubblicato in 1984, il 27 settembre 2008
C'era una volta Il GIornale.
C'era una volta Berlusconi editore e solo editore.
C'era una volta tal Indro Montanelli libero e ineguagliabile pensiero.
C'era e adesso non c'è più.

C'è Il Giornale.
C'è una fitta schiera di cagnolini da guardia.
Su qualsivoglia quotidiano italiano incontriamo un muro di Non-Giornalismo, ma Il (non)Giornale
è davvero la quintessenza della distruzione giornalistica, dell'annientamento della dignità umana.
I fatti non vengono raccontati, ma i nemici vengono demoliti.
Il Nano viene processato, e nonostante il suo scudo atomico anti-condanna i suoi cagnetti subito si lanciano all'attacco delle toghe, colpevoli di fare il loro lavoro.
Ecco qui come subito il fedele Facci subito inizia a scandagliare il passato della "toga rossa" per incrinare in qualsiasi modo la sua credibilità umana e professionale, qualsiasi modo è lecito, perchè si è permesso di sollevare l'eccezzione di costituzionalità del Lodo VergognAlfano, palesemente illegale.
Ma il vero disgusto non è per il povero Facci, che passa la vita tra rubriche per donne annoiate e l'ossessione per Marco Travaglio(ben 121 articoli contro di lui, se non è ossessione questa!),
ma la folta schiera di disgraziati che commentano l'articolo esprimendo solidarietà e stima allo pseudogiornalista!
Devo dire di esser rimasto alquanto sorpreso di ciò, pensavo che chi sano di mente avesse una certa cultura di navigazione web, avendo accesso ai fatti, non rimanesse imbrigliato nelle bugie di regime e dei suoi patetici cagnetti.
Ma mi sbagliavo.
Non è solo un problema di disinformazione.
E' anche un problema di teste di cazzo.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. travaglio il giornale facci montanelli

permalink | inviato da quartopotere il 27/9/2008 alle 17:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Ecoballe prima, balle volanti adesso
post pubblicato in 1984, il 26 settembre 2008

Dopo i colpi di scopa del pluriprescritto Silvio Berlusconi, che ha alzato il tappetino napoletano nascondendoci sotto tutta la monnezza che poteva contenere, con l'apporto fondamentale della camorra che di riempire le cave di morte se n'intende, arriviamo in questo periodo ad una nuova ed entusiasmante manovra governativa  gentilmente offertaci dal grande statista maialesco in pieno stile orwelliano.

E pensare che ne conosco diversi di napoletani veraci(ma quanti saranno?) convinti in pieno dalle ecoballe sparate dal Nano e i suoi scagnozzi, col gentile supporto di tutti i media indistintamente.


Già perchè il solo fatto di non avere più la spazzatura sotto la finestra a portata di naso e occhi, ha dato il la al processo di beatificazione e successivo inserimento nell'olimpo dei santi partenopei di San Silvio da Arcore; poco importa se la monnezza è stata abilmente(?) spostata in zone dove l'aumento del tasso di malattie tumorali raggiunge livelli catastrofici, la terra, l'acqua e l'aria non ne possono più.

L'hinterland vesuviano è saturo di centinaia e centinaia di fuochi che avvelenano e bruciano rifiuti di ogni genere, mentre la Germania non è più disposta ad accogliere le ecoballe di morte ad alta tossicità che si mischiano a scarti generici.

Ma bisogna ammetterlo, la "soluzione" alla mucca Alitalia, munta per decenni dai vari governi bipartisan supera davvero ogni immaginazione.

A cominciare dalla (s)valutazione della stessa, effettuata da una piccolo gruppo banchiero che ha tra i principali azionisti gli stessi coraggiosi capicordata berlusconiani.

Oramai, se non cè conflitto d'interessi in Italia non ci si sente proprio a casa.

Dopo aver fatto saltare in aria l'unica soluzione possibile e vantaggiosa per il futuro della (futura ex)compagnia di bandiera, il nostro emerito Nano l'ha abilmente pilotata tra le grinfie dei numerosi immobiliaristi italiani, ansiosi di qui a poco, di vendere tutta la baracca al partner straniero.Bella cordata patriottica!

Con una finta gara d'acquisto, i nostri coraggiosi si preparano a ciucciare la parte buona della defunta compagnia, accollandoci tutti i debitucci della vecchia(una voragine spaventosa), a mietere esuberi come fosse niente, portando le condizioni contrattuali dei dipendenti alitalia al limite della dignità umana come se fossero bestie da macello.

Ovviamente a parte Santoro nessuno ne parla in tv, la mega porcata è bell'e servita.


Ma come dice l'occhialuto Castelli "ce ne sono tanti altri di lavoratori in Italia che stanno peggio di loro".

Grazie Roberto, è grazie alla saggezza dei maiali come te che sprofondiamo sempre più giù ingrassando le chiappe della Casta e dei suoi amichetti.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ecoballe porcata alitalia

permalink | inviato da quartopotere il 26/9/2008 alle 22:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sapori dalla Maremma Laziale
post pubblicato in de gustibus, il 22 settembre 2008

Credo non ci sia modo migliore, per esordire nella sezione De Gustibus, del riportare le sensazioni provate al termine di una cena di sapore squisitamente paesano. Non si avrà la presunzione di sancire glorie o disfatte di ristoranti o prodotti per mezzo di voti o simbologie varie; piuttosto, la nostra intenzione è quella di fornire al lettore delle descrizioni sensoriali pure e semplici, lontane da quelli che potrebbero essere giudizi dati dall'alto di presunte conoscenze gastronomiche filtrate da secoli di abuso delle papille gustative.

Per cominciare il nostro percorso ci si è recati in un paese nelle vicinanze di Civitavecchia, ovvero Tolfa. In realtà credo che numerose persone conoscano Tolfa per via della sua attività artigianale più importante, ovvero la lavorazione del cuoio, che qui raggiunge risultati d'eccellenza a livello mondiale.

In un paese come questo (5.133 abitanti), arroccato su una collina a oltre 500 metri s.l.m. a più di 20 km dal mare, è inutile dire che non troverete orate o branzini come protagonisti dei menù, ma piuttosto molta carne bovina e suina.

Effettivamente il nostro proposito era quello di degustare carne nell'ambito della 1a Sagra della Bistecca Maremmana, ma ciò non è stato possibile per motivi che è inutile elencare... Tuttavia abbiamo colto la palla al balzo per andare a provare un ristorante consigliatomi da amici locali, tanto per edulcorare l'amarezza della Sagra Mancata...

"Da Buzzico". Questo è il nome del locale in questione. Qui mi era stato assicurato dai miei amici che avrei potuto gustare l'agognata bistecca di Maremmana.

Il primo elemento positivo del locale è che fosse pieno.

Era rimasto solo un tavolo per due che evidentemente attendeva me e un amico che era con me, speranzoso anche lui di mangiare ottima carne. A dir la verità il locale è molto piccolo, però proprio per questo motivo mi aspettavo materia prima di una certa qualità.

Cominciamo col dire che questo ristorantino, a conduzione rigorosamente familiare (dato il ridotto numero di coperti viene gestito tranquillamente da Alberto, il titolare, la moglie ed uno dei suoi figli), accoglie in maniera positiva grazie all'originale decoro delle mura interne, che in alcuni punti ha i mattoni sotto l'intonaco volutamente a vista.

Ci accomodiamo, e non posso fare a meno di notare che le targhette segnatavolo sono in vero cuoio inciso a fuoco...

Esiste una pietanza sconosciuta fuori da Tolfa. Una pietanza povera. Talmente povera che suscitava, e, a pensarci bene, susciterebbe tutt'ora un senso di tristezza non fosse per il fatto che venga servita come piatto da ristorante. Tristezza. La Trista.

Il primo degli antipasti che ci è stato servito. Del pane di Tolfa bruscato in un brodetto (acqua, olio e mentuccia). Questa sarebbe la Trista originale... Ma quella gustata da noi era una variante nobile, ovvero con l'aggiunta di pezzi di patate lessate e un pezzetto di aringa affumicata... Assolutamente eccezionale, per via del fatto che sono sapori che non si provano più in un mondo come quello odierno. Sapori che commuovono un palato avvezzo a ben altre amenità... La Trista ci ha reso paradossalmente gioiosi. Bontà pura e semplice. Gli altri antipasti erano molto meno originali, ma la materia prima (prosciutto casereccio, formaggio accompagnato con del miele e verdure freschissime grigliate) restava sempre di ottimo livello.

La vacca maremmana è una specie di bovino che, come suggerisce il nome, è autoctono del territorio di tutta la Maremma. E' sempre stata allevata allo stato brado o semibrado e lo è tutt'ora, tanto che spesso e volentieri costituisce un pericolo per gli automobilisti che non usano frequentare la strada che unisce Tolfa a Santa Severa, visto che queste bestie hanno l'abitudine di ruminare pacificamente in mezzo alla strada stessa in ore notturne, non essendoci vere e proprie recinzioni che le tengano in zone delimitate. Stato brado, dicevamo, ovvero movimento libero per cercare i migliori fili d'erba, il che si traduce in carne mediamente magra e più consistente rispetto a bestie d'allevamento in recinto. Il sottoscritto diffida di chi giudica una carne solo perchè è, per così dire, più "dura". La carne della vacca maremmana ha un sapore del tutto particolare che fa passare decisamente in secondo piano il fatto della consistenza meno tenera rispetto alla carne danese o argentina, il che non deriva solo dallo stato di allevamento, ma anche dalla peculiarità stessa della razza. E' carne da intenditori, per persone che vanno oltre ciò che è banale. E al sottoscritto piace indagare per i meandri di ciò che è inusuale. Per cui abbiamo rinunciato al primo per avventurarci subito nel magico mondo di ciò che gli ignoranti definiscono "carne dura". Al gentile signor Alberto abbiamo chiesto due bistecche (chiaramente cotte alla brace)...

Credo che tutto il preambolo abbia fatto capire molte cose, ma per chi non abbia afferrato il concetto, dirò che vale la pena andare da "Buzzico" anche "solo" per mangiare una stupenda bistecca di maremmana. E se non vi piace la carne (ognuno ha i suoi gusti), vi prego: non fate a meno dell'antipasto, poichè la trista è semplicemente grandiosa!

Io ho pagato 33.50 € per: 1 antipasto (trista, prosciutto, formaggio servito con il miele, verdure grigliate)

1 bistecca (di almeno 400 grammi e senza osso) alla brace

1 contorno di patate al forno

1 crema catalana

acqua, 0.5 l di vino rosso.

P.S.: sarebbe un vero delitto rinunciare anche alla crema catalana...

Il Circo dell'Italietta
post pubblicato in 1984, il 20 settembre 2008

Vista da dentro, gli Italiani la trovano normale. Almeno la maggior parte, quella sotto il giogo dei Tg mediasettini, riottani e filoannebbiacervelli. Che sono tutti. La loro Italietta ferita e maltrattata, dove poco funziona (e male), ma sempre "solida" come dichiara il nostro beneamato Premier.
Basterebbe alzare un minutino il naso, e non è poi così pesante, per rendersi conto che all'estero, in Europa, ne sanno molto ma molto più degli Italiani dell'Italia, loro le idee  le hanno chiare, su quello che sta succendendo qui.
Certo è noto che lo sguardo più veritiero è quello che proviene da fuori la mischia, e faremmo bene a dargli un po retta, poi chissà magari qualcuno si sveglia pure.
Riporto un articolo del quotidiano spagnolo(!) "El Pais", tradotto da Italia dall'estero, dal titolo “Presidente, io da lei mi lascerei toccare” :

Silvio Berlusconi aveva annunciato la sua presenza al celebre programma di Rai1 Porta a porta, condotto dall’amico Bruno Vespa, per parlare delle trattative per salvare Alitalia, una crisi che può costare il posto di lavoro a 20.000 impiegati. Al suo fianco, al posto di un sindacalista o di un rappresentante del settore, era seduta la nuova miss Italia, Miriam Leone.

Per la sorpresa di chi aspettava di sentire il Presidente del Consiglio parlare di attualità, è stata miss Italia a prendere la parola in difesa della riforma scolastica del Governo Berlusconi, che prevede il maestro unico alle elementari, come 20 anni fa. “Io, mio padre e noi tutti siamo cresciuti con il maestro unico”, ha detto Miriam Leone. “Ci imponeva più disciplina, era un po’ bruto, ma gli volevamo bene”.

E c’è dell’altro. Con un colpo di scena è comparsa nello studio del programma la campionessa di scherma Valentina Vezzali, fresca vincitrice di una medaglia alle Olimpiadi. La Vezzali ha offerto un fioretto a Berlusconi sfidandolo. Ma il Cavaliere ha rifiutato: “Non la potrei toccare neanche con un fiore”, si è scusato. “Presidente, io da lei mi lascerei toccare”. Ed è sceso il silenzio nello studio, rotto solamente dall’annuncio di Berlusconi che si comprerà un’altra casa sul Lago Maggiore: “Per evitare che caschi in mani straniere”. Il circo di Berlusconi gli ha regalato il 60% di popolarità, cinque punti in più di luglio.


Non è uno zoo questo, gli animali hanno il rispetto dei propri simili.Questo è un circo.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi vespa italia dall'estero

permalink | inviato da quartopotere il 20/9/2008 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia settembre